L’incompatibilità UE dell’estensione del regime IVA del margine alle spese non addebitate dai “fornitori”

L’incompatibilità UE dell’estensione del regime IVA del margine alle spese non addebitate dai “fornitori”

Sono lieto di segnalare che è stato pubblicato sul n. 4 del Corriere Tributario 2021 un articolo con cui, dopo aver brevemente esaminato la disciplina del regime del margine IVA per i beni mobili usati e gli oggetti di arte, d’antiquariato o da collezione, ho sostenuto che è incompatibile con l’art. 112 e ss. della Direttiva IVA l’inclusione nel predetto regime, per i beni acquisiti in proprietà, delle spese di manutenzione e di riparazione addebitate ai rivenditori da soggetti diversi dai “fornitori”, nonché per i beni acquisiti mediante il subentro nella posizione di utilizzatore di contratti di locazione finanziaria, oltre che delle predette spese, anche dei canoni e del prezzo di riscatto addebitati ai “rivenditori” dalla società concedente.    

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *