Ciclo di seminari in streaming organizzati da Consob e dal Politecnico di Milano sulle applicazioni della tecnologia del registro distribuito

Ciclo di seminari in streaming organizzati da Consob e dal Politecnico di Milano sulle applicazioni della tecnologia del registro distribuito

CONSOB e l’Osservatorio Blockchain & Distributed Ledger del Politecnico di Milano organizzano un percorso di seminari in modalità streaming con lo scopo di approfondire le principali sfide poste dalle tecnologie Blockchain. Nel corso del primo seminario di questo ciclo tenutosi l’8 ottobre 2021 sono stati approfonditi i profili regolamentari e di mercato degli strumenti finanziari emessi e gestiti tramite tecnologie Distributed Ledger. Sono già stati programmati i seguenti seminari, come risulta anche dalla locandina allegata: 5 novembre 2021, h. 11.00 – 13.00 MiCAr: implicazioni per il mercato primario e secondario 10 dicembre 2021, h. 11.00 – 13.00 Pilot MiFID: sperimentazione...

Web Meeting su “La Fiscalità della Transazione”

Web Meeting su “La Fiscalità della Transazione”

Siamo lieti di comunicare che il 18 novembre 2021 dalle ore 9:30 alle ore 11:30, si terrà in videoconferenza un web meeting avente ad oggetto l’analisi degli orientamenti dell’Agenzia delle Entrate sul regime delle transazioni agli effetti dell’IVA e delle imposte sui redditi. Programma 9:30 – GLI ORIENTAMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REGIME IVA DELLE TRANSAZIONI Distinzione fra transazione dichiarativa e novativa e il loro regime IVA; Non imponibilità IVA delle somme pagate per il risarcimento del danno;  Imponibilità IVA delle somme pagate sulla base di transazioni come corrispettivi per la rinuncia alla lite. avv. Alessandro Siragusa 10.00 – LA...

Webinar sulla nuova nozione di stabile organizzazione

Webinar sulla nuova nozione di stabile organizzazione

Questa mattina avrò piacere di partecipare dalle ore 9.30 alle ore 12.30 al Webinar organizzato dalla Commissione Fiscalità Internazionale dell’ODCEC di Roma sulla nuova nozione di stabile organizzazione, svolgendo una relazione sui rapporti fra la nuova nozione convenzionale di stabile organizzazione, come risultante dalla versione 2017 del Modello di convenzione OCSE e dall’MLI e la nuova nozione di stabile organizzazione prevista dall’art. 162 del TUIR.

Webinar sui Meccanismi di risoluzione delle controversie in materia fiscale nell’Unione Europea

Webinar sui Meccanismi di risoluzione delle controversie in materia fiscale nell’Unione Europea

Domani 28 settembre 2021 l’avv. Gabriele Escalar prenderà parte dalle ore 9.30 al Webinar organizzato dalla Commissione Fiscalità Internazionale dell’ODCEC di Roma per la formazione professionale dei dottori commercialisti sui Meccanismi di risoluzione delle controversie in materia fiscale nell’Unione Europea ovverosia la nuova MAP introdotta dal d.lgs. 10 giugno 2020, n. 49, in attuazione della Direttiva 2017/1852 del Consiglio UE del 10 ottobre 2017, svolgendo una relazione su L’ambito oggettivo, i soggetti interessati ed i presupposti. Prenderà parte al Webinar anche il dott. Andrea Giretti dell’Ufficio Risoluzione e Prevenzione controversie internazionali dell’Agenzia delle Entrate, svolgendo una relazione su La procedura...

Il regime fiscale dei redditi delle criptovalute conseguiti dai privati

Il regime fiscale dei redditi delle criptovalute conseguiti dai privati

E’ stato pubblicato sul n. 10 del Corriere Tributario un mio ultimo su “Il regime fiscale dei redditi delle criptovalute conseguiti dai privati” in cui ho analizzato il regime impositivo dei redditi di capitale derivanti dall’impiego di capitali di criptovalute (depositi, conti correnti, mutui, garanzie, titoli, certificati ecc.) e dei redditi diversi di natura finanziaria realizzati mediante la cessione a titolo oneroso di criptovalute ovvero mediante strumenti finanziari, anche derivati (forward, future, option, perpetual ecc.) su criptovalute, muovendo dalla tesi dell’Agenzia delle Entrate secondo cui le criptovalute sarebbero assimilabili alle valute estere. Scarica la PubblicazioneDownload

Conferma della Cassazione che lo scostamento dal valore normale dei corrispettivi delle operazioni infragruppo fra società residenti può essere contestato sulla base di una valutazione di antieconomicità se tale scostamento non sia giustificato da vantaggi compensativi

Conferma della Cassazione che lo scostamento dal valore normale dei corrispettivi delle operazioni infragruppo fra società residenti può essere contestato sulla base di una valutazione di antieconomicità se tale scostamento non sia giustificato da vantaggi compensativi

Con la sentenza 27 aprile 2021, n. 11053, la Cassazione ha confermato che lo scostamento dei corrispettivi delle operazioni concluse infragruppo da società residenti in Italia rispetto al valore normale, pur non potendo essere più contestato con la normativa sui prezzi di trasferimento di cui al comma 7 dell’art. 110 del TUIR, può essere contestato ai sensi della lett. d) dell’art. 39, primo comma, del d.P.R. n. 600 sulla base di una valutazione di antieconomicità di tali operazioni, sempreché tale scostamento non possa essere giustificato dall’attribuzione di vantaggi di natura compensativa. In particolare, il caso prospettato riguardava una società che,...

La Cassazione esclude che le somme pagate in base ad una transazione per la rinuncia ad una pretesa giudiziale costituiscano corrispettivi per l’assunzione di obblighi di fare, non fare o permettere

La Cassazione esclude che le somme pagate in base ad una transazione per la rinuncia ad una pretesa giudiziale costituiscano corrispettivi per l’assunzione di obblighi di fare, non fare o permettere

Con la sentenza del 15 luglio 2021, n. 20316 la Corte di Cassazione ha escluso che le somme pagate sulla base di una transazione da una banca ad un privato per la rinuncia ad una pretesa giudiziale siano configurabili come corrispettivi per l’assunzione di obblighi di fare, non fare o permettere e siano quindi assoggettabili ad IRPEF come redditi diversi.  In particolare, il caso affrontato dalla Suprema Corte riguarda una contribuente socia di una banca popolare che, dopo aver agito in giudizio per chiedere l’annullamento della delibera con cui tale banca aveva approvato un aumento di capitale interamente posto a...

Ottenuta conferma dalla Cassazione che le imprese possono rivalutare anche più volte beni ammortizzabili già rivalutati nel limite del loro valore economico pro tempore corrente

Ottenuta conferma dalla Cassazione che le imprese possono rivalutare anche più volte beni ammortizzabili già rivalutati nel limite del loro valore economico pro tempore corrente

Con l’ordinanza allegata del 12 luglio 2021, n. 19749 la Corte di Cassazione, ha confermato che le imprese possono rivalutare nuovamente agli effetti civilistici e fiscali beni ammortizzabili che abbiamo precedentemente rivalutato sempreché li iscrivano ad un valore non superiore al loro valore economico pro tempore corrente.    Il caso oggetto del giudizio riguardava una società che, dopo aver rivalutato macchinari strumentali ammortizzabili, una prima volta, nel 2000, ai sensi dell’art.10 della legge n. 342/2000 fino a concorrenza del loro valore economico corrente, aveva nuovamente rivalutato tali beni, una seconda volta, nel 2003, ai sensi del comma 25 dell’art. 2...

Ottenuta conferma dalla Cassazione che l’omessa dichiarazione ICI non è punibile con sanzione proporzionale se è stata versata l’imposta

Ottenuta conferma dalla Cassazione che l’omessa dichiarazione ICI non è punibile con sanzione proporzionale se è stata versata l’imposta

La Cassazione ha ritenuto che l’omessa presentazione della dichiarazione ICI, nel caso in cui sia stata versata integralmente l’imposta, non risulta configurabile come una violazione meramente formale non punibile, bensì come una violazione formale punibile per il fatto che, pur non avendo comportato l’evasione dell’imposta, è idonea a pregiudicare l’esercizio dell’azione di controllo. Tuttavia “tale violazione formale, seppure punibile, trova la sua specifica sanzione nel comma 3 dell’art. 14 del d.lgs. n. 504 del 1992 che punisce ‘l’omissione’ che abbia ad oggetto ‘elementi non incidenti sull’ammontare dell’imposta’” con la sanzione non proporzionale da 51,64 Euro a 258,23 Euro. Ed infatti,...